lunedì 13 ottobre 2014

Copia e sdoppia... di tutto - I parte

Una nuova tornata di idee compulsive si è fatta largo in questo week-end appena trascorso. Così come mi accade spesso ciò che staziona da mesi e mesi nei vari scaffali di casa mia all'improvviso diventa oggetto di grande attenzione perchè utile allo sviluppo di un'idea che nel preciso momento in cui si manifesta deve essere messa in opera e testata. In questo caso il tutto riguarda la riproduzione di alcuni oggetti attraverso l'uso di un prodotto, la gomma siliconica, che permette di riprodurre il caldo di qualunque oggetto solido. Questa operazione non è nuova per me perchè in passato quando mi ero attivamente cimentata nella realizzazione di gessetti profumati avevo ottenuto delle forme particolari riproducendo appunto i caldi di oggetti di vario tipo in cui ero poi andata a colare la ceramica addizionata di essenze profumate. In questo caso questa tecnica mi è venuta in aiuto perchè ho voluto riprodurre delle cornicette della Prima che vengono utilizzate abitualmente in svariati progetti di scrap e che sono una chicca. Hanno un costo non indifferente ed in ogni confezione ce ne sono due/tre per cui un metodo economico ho pensato fosse quello di "clonarle". La novità è stata quella di sperimentare per riprodurle una nuova texture ossia la resina che non avevo mai provato prima ma che avevo a disposizione comprata mesi e mesi e che aspettava il momento giusto per essere testata. Qui di seguito alcune foto dei risultati ottenuti e al fondo troverete anche il primo step del tutorial in formato video se volete provare anche voi a cimentarvi nell'operazione di clonazione di un oggetto che vi piace particolarmente.
La resina non è proprio economica come materiale ed infatti al prossimo step proverò con un materiale molto più economico ossia il silicone.
Seguitemi e scopriremo insieme cosa ne è venuto fuori.






 Eccoli colorati e invecchiati con il bitume.



 Accostati agli originali sfido chiunque a distinguerli, sono identici.




Ecco il video tutorial


Nessun commento:

Posta un commento