lunedì 28 marzo 2016

Di prova in prova.

Settimana scorsa ho finalmente convinto un'amica che di mestiere fa l'illustratrice a fissare un incontro per illuminarmi sulla tecnica dell'acquerello. Era da tempo che accarezzavo questa opportunità e alla fine per sfinimento ha accettato di accogliermi nella sua casa e nel suo laboratorio artistico per iniziarmi a questa meravigliosa tecnica. Io la supplicavo di farmi un corso e lei ribatteva di no perché non immaginava di poter fare un corso serioso ad un'amica ed io a ribattere "allora non chiamiamolo corso ma incontro, ritrovo, o come cavolo ti pare ma vediamoci e fammi vedere come si stende il colore con gli acquerelli".... finalmente ha accettato!!!! Alla fine la serata si è svolta con me che le mostravo i timbri di Tim Holtz e lei che sgranava gli occhi e mi diceva "bello bello voglio provare a colorare questi timbri"!.... ehehehehhehehe.... come poteva non illuminarsi d'immenso di fronte al maestro? Nel casino che in tre siam riuscite a fare del tipo di quello che si liberava quando noi quindicenni ci lanciavamo in una nuova avventura la serata ha preso vita ed io ho scoperto come si stende l'acquerello... morale della favola? Ora vorrei acquerellare anche le lenzuola.... però... c'è un però... la maestra fattasi seria (in un momento fugace quanto breve) mi ha consigliato di cercare la mia carta. Ehhehehehehehehhe.... secondo voi? La carta da acquerello è un elemento imprescindibile per un'artista (ecco appunto... quindi per me tapina che significa?) per cui le sue parole perentorie sono state "dovrai trovare la tua carta" quella con cui riesci ad ottenere l'effetto che cerchi... e per farlo dovrai provare provare provare... dopo avermi sommersa di carta da acquerello e salutata con questo monito io secondo voi che cosa potevo fare? Bè intanto ho sfruttato degli album di carta da acquerello Canson che avevo preso tempo fa senza nemmeno ben sapere perché (ma il naso avverte sempre il perché anche dove non c'è ... ecco perché lascio che mi guidi anche quando nessuno, me per prima, sa a che cavolo mi possano mai servire certi acquisti inqualificabili!) e ho iniziato a pasticciare come se non ci fosse un domani... oggi vi voglio mostrare i primissimi tentativi ad ampio raggio in cui mi sono letteralmente lanciata.... ovvio che non ho la presunzione di definirle creazioni ad acquerello.... però da qualche parte dovevo ben iniziare...
Le timbrate sono una embossata a caldo prima di stendere i colori e l'altra con archival ink sulla base già acquerellata.... i colori usati sono acquerelli ma il prossimo step sarà con altri tipi di colori perché devo trovare quelli giusti per ottenere un effetto più sfumato di quello che vedete qui.